HOME LIBRI  VIDEO  Mercatino NEWSLETTER

"Notizie dalla Terra Santa"

 

Anno VI - 2010

                                    www.TerraSantaLibera.org         www.HolyLandFree.org

Questa Redazione, pur non condividendo sempre e necessariamente tutte le dichiarazioni degli autori nei testi citati, reputa che esse siano comunque utili fonti di informazione e riflessione.

Non omologati in alcun schieramento, in rispetto della libertà di pensiero e d'espressione garantite costituzionalmente, riteniamo irrinunciabile e giusto dare spazio a molte voci del dissenso, altrove negate.

Che cosa succede se l'intera storia della diaspora ebraica

è storicamente sbagliata?

 

Controverso successo editoriale scuote le fondamenta dello Stato d'Israele

di Joshua Holland, Alternet.org 04 febbraio 2009

Che cosa succede se i palestinesi che hanno vissuto per decenni sotto il tallone del moderno

Stato di Israele discendono in realta’dagli stessi "figli di Israele" descritti nel Vecchio Testamento?

 

E che cosa succede se la maggior parte degli attuali israeliani non discendono proprio dagli

antichi Israeliti, ma in realtà sono un mix di europei, nord africani e di altri che non hanno diritto

di "ritorno" per quella terra che oggi chiamiamo Israele e alla creazione di un nuovo Stato in

seguito al tentativo di sterminio durante la seconda guerra mondiale, ma si impianto’ a forza in

quella terra sfollando un popolo i cui antenati avevano abitato cola’ per millenni?

 

Che cosa succede se l'intera storia della diaspora ebraica – la storia raccontata la storia a

Pasqua dagli ebrei di tutto il mondo, mostrando in ogni dettaglio l'esilio dalla Giudea degli

antichi ebrei, gli anni spesi a vagare attraverso il deserto, la loro fuga dalle grinfie del Faraone

- è tutta falsa ?

 

Questa è la tesi esplosiva del libro “ Quando e come è stato inventato il popolo ebraico ? “ .

Questo libro libro dello studioso Shlomo Zand (o Sand ) della Tel Aviv University ha shoccato

tutta la società israeliana quando è stato pubblicato lo scorso anno. Dopo 19 settimane nella

lista dei best-seller israeliani , il libro sta per essere tradotto in una dozzina di lingue e sarà

pubblicato negli Stati Uniti questo anno da Verso.

 

La sua tesi ha ramificazioni che vanno ben al di là di un antidiluviano dibattito accademico.

Pochi conflitti moderni sono collegati alla storia antica come quella ciclo lungo decenni di

spargimento di sangue tra israeliani e palestinesi. Ogni gruppo reclama lo stesso pezzo di

terra - santa per le tre grandi religioni abramitiche - basate su legami di lunga data a quella

terra e alle identità nazionali formate nel corso di lunghi periodi di tempo. Non c'è

probabilmente nessun altro luogo sulla Terra, dove il presente e’ cosi intimamente legato al

passato.

 

Centrale per l'ideologia del sionismo è la storia – familiare atutte le famiglie ebraiche - di esilio,

di oppressione, di redenzione e di andata e ritorno. Scacciato dal suo regno, il "popolo

ebraico" - figli e figlie di antiche Giudea – ha vagato sulla terra, senza radici, ha affrontato una

crudele repressione dovunque si e’ stabilito - dalla schiavitù sotto gli egiziani, alle stragi fatte

dagli spagnoli nel 14 ° secolo ai pogrom russi del 19° secolo , fino agli orrori del Terzo Reich.

 

Questo punto di vista della storia anima tutti i sionisti, ma più di tutti l'influente ma reazionaria

minoranza - negli Stati Uniti, così come in Israele - che e’ convinta che Dio abbia donato al

popolo ebraico una "Grande Israele" - che comprende lo Stato attuale di Israele e i territori

occupati -, e che si opporrà a qualsiasi tentativo di creare uno Stato palestinese con

motivazioni basate sulla Bibbia.

 

Inventare un popolo?

 

L’ argomento centrale di Zand è che i romani non hanno mai espilsono e non potevano

certamente espellere intere nazioni dai loro territori. Zand stima che forse 10000 antichi Giudei

sai dileguarono durante le guerre romane, mentre i restanti abitanti della Giudea antica vi

rimaser, convertendosi poi all'Islam e venendo assimilati dai loro conquistatori arabi quando la

zona fu soggiogata. Divennero i progenitori degli odierni palestinesi, molti dei quali ora vivono

come profughi che sono stati esiliati dalla loro patria, durante il 20° secolo.

 

Ecco come il giornalista israeliano Tom Segev ha riassunto in una recensione il libro in

Ha'aretz: Non c’è mai stato un popolo ebraico, c’e’ stata solo una religione ebraica. Anche l'esilio non è

mai avvenuto - di conseguenza, non vi è ritorno.

 

Zand respinge la maggior parte delle storie di formazione di identità nazionale nella Bibbia, tra

cui l'esodo dall'Egitto e, più in modo soddisfacente, gli orrori della conquista sotto Giosuè.

Ma questo solleva la questione: se l'antico popolo della Giudea non e’ stato espulso in massa,

come e’ successo che il popolo ebraico si e’ sparso in tutto il mondo?

 

Secondo Zand, che offre dettagliate storie di diversi gruppi all'interno di ciò che è tradizionalmente conosciuta come la diaspora ebraica, di cui alcuni erano ebrei che erano emigrati di loro spontanea

volontà, e molti altri sono stati successivamente convertiti al giudaismo. Contrariamente alla

credenza popolare, Zand sostiene che l'ebraismo era una religione evangelica che ha cercato

attivamente di nuovi aderenti nel corso del suo periodo formativo.

 

Questo racconto è di enorme importanza in termini di identità nazionale di Israele. Se il

giudaismo è una religione e non "un popolo" disceso da una nazione dispersa, si mette in

discussione la motivazione centrale per lo Stato di Israele di rimanere uno "Stato ebraico".

 

E questo ci porta alla seconda affermazione Zand. Egli sostiene che la storia della nazione

ebraica - la trasformazione del popolo ebraico da parte di un gruppo con una identità culturale

e di fede religiosa in "popolo" disperso - è invenzione relativamente recente, messa su nel 19°

secolo da studiosi sionisti e avanzate dal mondo accademico israeliano. E 'stato, sostiene

Zand, una sorta di cospirazione intellettuale. Segev dice: "E 'tutta una finzione e un mito che

sono serviti da pretesto per la creazione dello Stato di Israele".

 

Le ramificazioni delle argomentazioni di Zand portano molto lontano; "la possibilità che i

palestinesi siano i discendenti degli antichi giudei sono molto superiori alla possibilità che tu o

io siamo la loro discendenza", ha detto ad Ha'aretz. Zand sostiene che Israele dovrebbe

essere uno stato in cui tutti gli abitanti di quello che una volta era " la Palestina britannica "

possano condividere i pieni diritti di cittadinanza e di responsabilità, piuttosto che mantenere

uno stato "ebraico e democratico", come è ormai chiamato.

 

Com'era prevedibile, Zand è stato accusato secondo le formule collaudate.

Ami Isseroff ha scritto su ZioNation il blog israeliano-sionista, invocando le consuete immagini

dell’ Olocausto, accusando Zand di offrire una "soluzione finale al problema ebraico",

uno in cui " non e’ richiesto auto-da-fe’, non sono necessari cariche di cosacchi, non camere a gas,

non puzzolenti forni crematori ".

Al che Zand ribadisce che ( l’ invenzione del popolo ebraico ndr ) e’ stata una sorta di cospirazione intellettuale.  Segev aggiunge : “ E’ stata tutta una finzione ed un mito che sono serviti da scusa

per la fondazione dello Stato di Israele “.

Un altro febbrile ideologo ha chiamato il lavoro di Zandl "un'altra manifestazione di disturbi

mentali nella estrema sinistra accademica in Israele."

 

Questo tipo di retorica surriscaldato è classico nell’ infinito dipanarsi del discorso su Israele e

palestinesi, ed è facilmente respinto. Ma anche più gravi critiche hanno salutato il lavoro di

Zandl. In un ampio revisione critica del lavoro di Zand , Israele Bartal, decano degli studi

umanistici presso la Hebrew University, rimprovera all'autore la seconda affermazione - che

esponenti del mondo accademico sionista avevano soppresso la vera storia della diffusione

del giudaismo attraverso l'emigrazione e la conversione a favore di una storia che avrebbe

dato legittimità al forte desiderio di uno Stato ebraico.

 

Bartal sollevato importanti questioni circa la metodologia e Zand sottolineato ciò che sembra

essere scrupoloso alcuni dettagli nel libro. Ma è interessante, nella difesa di Israele comunità

accademica, Zand Bartal sostenuto la tesi più consequenziali, la scrittura, "Anche se il mito di

un esilio dalla patria del popolo ebraico (Palestina) non esiste in Israele cultura popolare, è

trascurabile in gravi storico ebraico discussioni". Bartal aggiunto: "non storico del movimento

nazionale ebraico ha mai davvero creduto che le origini degli ebrei sono etnicamente e

biologicamente 'puro.' "Egli ha osservato che" [i] Importante gruppi nella [sionista] circolazione

espresso riserve riguardo a questo mito o negato del tutto. "

 

"Per quanto posso discernere," Bartal ha scritto, "il libro non contiene anche uno che non è

stata presentata" in precedenti studi storici. Segev ha aggiunto che "Zand non ha inventato la

[sua] tesi. Trenta anni prima della Dichiarazione di Indipendenza, essa era gia’ stata sostenuta

da David Ben-Gurion, Yitzhak Ben-Zvi ed altri."

 

Si può ragionevolmente sostenere che questo antico mito di una nazione ebraica in esilio fino

al ritorno nel 20° secolo abbia poche conseguenze pratiche, se ad esempio il popolo ebraico

condivida una comune ascendenza genetica o sia una raccolta diversa di persone che

condividono la stessa fede, infatti una comune identità nazionale si è sviluppata nel corso dei

secoli. Ma il punto centrale della contesa rimane in piedi, e ha alcune implicazioni significative

per l'attuale conflitto tra Israele e palestinesi.

 

Il principale motivo per cui è così difficile discutere del conflitto tra israeliani e palestinesi è il

lavoro notevolmente efficace dei sostenitori di Israele per il controllo dei territori occupati - tra

cui Gaza, ancora sotto occupazione di fatto - per equiparare sostegno palestinese autonomo

con una determinazione di vedere la distruzione di Israele. Questo fa 'effettivamente fa

scontrare qualsiasi difesa dei diritti dei palestinesi con lo spettro di uno sterminio ebraico.

 

Questo è stato certamente il caso per un singolo Stato soluzione al conflitto israelopalestinese.

Fino a pochi anni fa, sostenere una soluzione "singolo Stato" - uno Stato binazionale in cui

tutti i residenti di quello che sono oggi Israele e nei Territori occupati abbiano

tutti i diritti e le responsabilità della cittadinanza - è stata una posizione relativamente

maggioritaria. In realtà, è stato uno dei numerosi piani concorrenti considerati dalle Nazioni

Unite, quando le Nazioni Unite crearono lo Stato di Israele nel 1940.

 

Ma l'idea di un unico Stato binazionale, più recentemente, è stata emarginata - respinta come

un tentativo di distruggere Israele letteralmente e fisicamente, in favore di una entita’ politicoreligiosa

ebraica, con una popolazione di seconda classe di cittadini arabi e l'eredità della

colpa per aver costretto una popolazione ad essre rifugiata per il tempo piu’ lungo al mondo.

 

La logica conclusione di Zand esponendo il lavoro della mitologia fondatrice di Israele può

essere il ripristino dell'idea di un solo stato nel dibattito su questa controversa regione. Dopo

tutto, mentre agita le le acque in un certo senso - sollevando antiche, bibliche domande su chi

siano davvero i "figli di Israele" - in un altro senso, pone l'accenno sui legami comuni che

esistono tra gli ebrei israeliani e palestinesi.

 

Entrambi i gruppi hanno diritto alla stessa terra,

entrambi hanno dovuto affrontare storicamente repressione e dislocazione e ad entrambi sta a

cuore l'idea che essi debbano disporre di un "diritto di ritorno".

 

E se entrambi i gruppi hanno nei fatti in comune legami biblici, allora e’ legittimo chiedersi il

motivo per cui la totalità di quello che era la Palestina sotto mandato britannico, deve rimanere

solo un rifugio per le persone di un’ altra religione, invece di essere un paese in cui a ebrei e e

arabi siano garantite pari protezione - la parità di tutela a norma delle leggi di uno Stato la cui

legittimità non dovrebbe mai essere nuovamente in questione.

Joshua Holland

Alternet.org, 28 gennaio 2009

Link originale :

"Controversial Bestseller Shakes the Foundation of the Israeli State"

 

 

 

Esperto di storia europea all’Università di Tel Aviv, il dott. Sand ha condotto estese ricerche storiche ed archeologiche volte a sostenere non solo questa sua affermazione ma anche molte altre, tutte egualmente controverse (ndr)

Link a questa pagina: http://www.terrasantalibera.org/storiadiasporasbagliata.htm

"Notizie dalla Terra Santa"

Tutte le notizie e articoli contenuti in questo spazio web sono liberamente riproducibili (salvo successive controindicazioni degli autori e/o degli editori distributori) purchè citandone integralmente tutte le fonti (inclusa questa), gli autori, i traduttori e i links : informazione e contro-informazione devono essere libere  e alla portata di tutti. Chi, divulgando questi notiziari, omette di fornire le indicazioni sopra citate, o impedisce in qualsiasi modo  la  libera veicolazione delle notizie,  sabota gravemente  la libera informazione.