Anno IV,  Comunicato n. 43 // - 18 marzo 2009

 

QUESTA Redazione, pur non condividendo sempre e necessariamente tutto quel che dichiarano gli autori dei testi pubblicati, reputa che essi siano comunque UTILE fonte di informazione, testimonianza e riflessione per molti.

Non omologati in nessuno schieramento e in rispetto di quella libertà di pensiero e d'espressione garantite costituzionalmente, riteniamo IRRINUNCIABILE E giustO dare spazio aLLE MOLTE voci del dissenso, ALTROVE NEGATE.

ELIA  BENAMOZEGH, CRISTIANESIMO  E  GIUDAISMO

DON CURZIO NITOGLIA

9 marzo 2009

http://www.doncurzionitoglia.com/EliaBenamozegh.htm

 


Il Benamozegh (Livorno 1823-1900) biblista, talmudista, cabalista, è

stato uno dei maggiori rabbini italiani del XX secolo. Nato da una famiglia sefardita, originaria del Marocco, trascorse tutta la sua vita a Livorno, esercitando l’ufficio di rabbino. Il suo pensiero è autorevole, illuminante e soprattutto attuale.

Il rabbino livornese (maestro del padre di Elio Toaff, ex rabbino capo di Roma, che ha accolto Giovanni Paolo II alla sinagoga romana il 13 aprile 1986, ove pronunciò la famigerata frase sugli “ebrei nostri fratelli maggiori nella Fede”) conobbe un giovane cattolico di Lione, Aimé Pallière il quale si trovava «alla ricerca di un’esperienza religiosa che non trovava più nel Cattolicesimo... Pallière mostrò l’intenzione di convertirsi all’ebraismo, ma Benamozegh lo dissuase; il giovane francese aveva per Benamozegh un compito particolare, quasi provvidenziale, che poteva compiere solo restando cristiano; Pallière doveva essere il messaggero della... dottrina dei Noachidi, secondo la quale gli ebrei avevano funzione di sacerdoti del genere umano... Per rendersi conto di questa missione, Pallière non aveva bisogno di convertirsi, ma solo di “purificare” la propria religione da alcuni errori: l’Incarnazione e la Trinità» ([i]).

Benamozegh definiva i dogmi dei Cristiani «come una scimmia rispetto all’Uomo [Israele, nda]... la scimmia è l’imitazione mal riuscita del modello, e allo stesso tempo la sua caricatura... il Cristianesimo è una religione... non per uomini normali, ove dietro l’eccesso di ascetismo si  cela la corruzione» ([ii]).

In Israele e l’umanità (scritto prima del 1885 e pubblicato in Francia per la prima volta nel 1914) ci presenta il giudaismo come “messaggero della religione nel mondo intero, ma il cristianesimo ha cercato di adulterare la missione divina di Israele ed esso dovrebbe restaurare “un ordinamento gerarchico dell’umanità a Israele e rinunciare alla centralità della Chiesa a favore della centralità di Israele ordinando l’umanità al popolo sacerdotale Israele” ([iii]).

Il giudaismo religione «racchiude una duplice credenza - per Benamozegh - il pluralismo della divinità e l’immanenza. È perlomeno quanto afferma la teologia cabalistica... Quanto all’immanenza... gli angeli appaiono come il prolungamento della Divinità nella natura; il Talmùd dice perfino che sono sue membra ed organi... La Càbala, è la sola capace, di ristabilire l’armonia tra l’ebraismo e la gentilità... poiché la vera tradizione ebraica riconosce sia l’immanenza che la trascendenza di Dio, e unisce così il panteismo con il monoteismo. La fede che Israele conserva, potrà un giorno riconciliare le Chiese divise» ([iv]). Secondo il rabbino livornese «la Càbala concilierà Israele sacerdote con l’umanità laica» ([v]). Il sacerdozio ebraico presuppone un’umanità al servizio della quale è posto. «La fraternità tra tutti i popoli e la comunione di tutti con Israele, che è il centro verso cui devono tendere, per riunirsi, tutte le religioni» ([vi]). Lo scopo supremo del culto ebraico è per la Càbala l’unificazione del Dio immanente e del Dio trascendente, per mezzo dell’uomo.

«L’uomo deve agire sulla natura dominandola, e tale dominio è - per l’ebraismo - una cooperazione con Dio... I cabalisti hanno presentato questo dominio come una vittoria che l’uomo riporta su Dio come Creatore» ([vii]). Mentre il cristianesimo con la sua concezione del Dio-uomo, Gesù Cristo, ha scavato un abisso tra Dio trascendente e il mondo. Se per il cristianesimo l’Incarnazione si compie in un solo uomo, «per la Càbala l’incarnazione esiste nel fatto e pel fatto dell’intera creazione» ([viii]). Israele deve essere il centro dell’umanità, poiché  è un popolo destinato ad assumere - nell’umanità - il ruolo di sacerdote. «Israele è stato scelto per assolvere il compito eminente di dottore, di predicatore, di sacerdote delle nazioni, compito dovuto... certamente anche alla sua naturale predisposizione ad accogliere la verità religiosa... e soprattutto al suo carattere indomito, fermo e tenace, che era necessario per resistere al mondo pagano, per vincerlo e convertirlo» ([ix]).

Nel 1863 l’Alliance Israélite Universelle decise di pubblicare la terza parte dell’opera di Benamozegh (Essai sur l’origine des dogmes et de la morale du christianisme) intitolata Morale juive et morale chrétienne. In Italia Carucci ha pubblicato nel 1977 Morale ebraica e morale cristiana e finalmente nel 2002 Marietti ha pubblicato le prime due parti dell’opera del 1863, sotto il titolo di L’origine dei dogmi cristiani, e ben presto si avrà anche una pubblicazione in francese.

L’origine dei dogmi cristiani è una spiegazione cabalistica della dogmatica cristiana, in essa l’autore sostiene che «Lo Gnosticismo non è che un puro travestimento della tradizione acroamatica [esoterica] ebraica, ossia della Càbala» ([x]). Mentre il cristianesimo sarebbe nato - secondo il rabbino di Livorno - soprattutto dalla Càbala che s’incontrò con la filosofia platonica, stoica e orientale e Gesù sarebbe stato iniziato da esseni cabalisti. Gesù sarebbe stato una sorta di iniziato all’esoterismo cabalistico ed al talmudismo ([xi]).

Benamozegh lo prova scrivendo che lo Gnosticismo è di origine cabalistica e così la Càbala tramite lo Gnosticismo ha influito sul cristianesimo ([xii]). I Padri della Chiesa del II secolo rifiutarono però tale gnosticismo cabalistico e lo bollarono come eretico, quindi per Benamozegh il cristianesimo primitivo era gnostico, esoterico e cabalistico; mentre il cattolicesimo dei Padri, e già prima con Giovanni e Paolo, ripudiò la sua origine giudaico-cabalistico-talmudica per erigersi in Chiesa ([xiii]). La Gnosi  dichiarata eretica da S. Giovanni e S. Paolo e scomunicata dai Padri è la Càbala rabbinico-farisaica, accettata da Gesù ma rifiutata dai Pastori e dagli Apostoli, perciò il Benamozegh invita la Chiesa a ritornare alle sue origini cabalistiche e a rifiutare la ellenizzazione e romanizzazione del cristianesimo originario operata dai Padri ([xiv]).

In Morale ebraica e morale cristiana - Benamozegh - cerca di provare che la morale del Vangelo è inferiore a quella farisaica, «Il cristianesimo... ha fatto un Dio a sua immagine, come gli dèi d’Omero, invece di far l’uomo ad immagine di Dio... Ora, non solo, con ciò, ha offeso il buon senso, la retta ragione..., ma ha reso inutile ogni rivelazione» ([xv]). Inoltre accusa il cristianesimo di aver distrutto l’amor patrio. «Il patriottismo, è un sentimento dell’Antica Alleanza, che teoricamente non ha posto nella Nuova; ed il giorno in cui il Vangelo è stato predicato ai Gentili è stato l’ultimo giorno delle nazionalità [o meglio, nazionalismo esasperato, nda]. Il sentimento di nazionalità come l’intendono gli Inglesi è un sentimento essenzialmente ebraico... I cristiani sono un non-popolo, cioè la negazione teorica e pratica di ogni nazionalità» ([xvi]).

Benamozegh continua: «spettacoli orribili, teorie ripugnanti, dottrine difformi, vizi inauditi si nascondono sotto i principii del Cristianesimo... la finzione della resurrezione dei fedeli con Gesù... questi vizi non si sono nascosti, non si son vergognati di sé, ma hanno occupato arditamente un posto nella Chiesa, hanno esposto senza pudore la loro deformità al sole» ([xvii]).

Il cabalista livornese di origine marocchina conclude con l’esaltazione del fariseismo che sorpasserebbe infinitamente la morale evangelica, scrivendo «la morale ebraica rassomiglia all’uomo, ma all’uomo che realizza le sue due forme, e cioè l’uomo primitivo di Mosè, l’androgino di Platone, l’uomo dai due sessi..., la morale cristiana rassomiglia alla donna isolata, separata dall’uomo, senza il contrappeso della sua fermezza, della sua esperienza; la donna abbandonata a tutti i trasporti della sensibilità, della passione... la concezione del Cristianesimo primitivo ha qualcosa di troppo femmineo..., vi è nella parola e negli atti di Cristo e dei suoi primi discepoli, l’eterno femminino...» ([xviii]).

Conclusione

Come si vede le idee benamozeghiane sono state recepite in pieno dal Vaticano II e sono penetrate profondamente in ambiente cattolico post-conciliare.

1°) Benamozegh: “Rinunciare alla centralità della Chiesa a favore della centralità di Israele”; cfr. Paolo VI, NOM del 1970, orazione del Venerdì Santo “pro judaeis”, in cui si chiede la loro “fedeltà all’antica Alleanza”. Giovanni Paolo II (Mainz, 1981) “L’Antica Alleanza mai revocata; (Roma, 1986) gli “Ebrei fratelli maggiori [e prediletti] nella Fede”.

2°) Benamozegh: “La fede che Israele conserva, potrà un giorno riconciliare le Chiese divise”; cfr. J. Ratzinger, Molte religioni, una sola Alleanza, (Assisi, La Porziuncola, 2008) in cui scandaglia la nuova teologia conciliare e post-conciliare sulle “radici giudaiche del cristianesimo”, che debbono riunire le diverse religioni.

3°) Benamozegh: “Se per il cristianesimo l’Incarnazione si compie in un solo uomo, per la Càbala l’incarnazione esiste nel fatto e pel fatto dell’intera creazione”; cfr. “Gaudium et Spes” n.° 22 (del 1965): “per il fatto stesso che il Verbo si è incarnato, si è unito ad ogni uomo”, con i relativi commenti di Giovanni Paolo II nelle sue encicliche “Redemptor hominis” (1979) e “Dominum et vivificantem” (1986). Nella prima scrive: “Con ognuno Cristo si è unito per sempre […]. Sin dal momento in cui viene concepito sotto il cuore di sua madre” (n.° 13); “ciascun uomo, senza eccezione alcuna, […] anche quando l’uomo è di ciò inconsapevole” (n.° 14). Nell’altra enciclica si legge: “L’Incarnazione […] significa assunzione di […] tutta l’umanità, di tutto il mondo visibile e materiale” (n.° 50); “il Verbo si è unito ad ogni carne o creatura, specialmente all’uomo. […] Dio è immanente al mondo e lo vivifica dal di dentro” (n.° 54).

Più chiaro (anzi, “oscuro”) di così, si muore.

 

d. Curzio Nitoglia

 

9 marzo 2009

 


NOTE :

 

[i]) A. Guetta, Qabbalà e Cristianesimo nella filosofia di Elia Benamozegh, in «La Rassegna Mensile di Israel», vol. LXIII, settembre-dicembre 1997, pagg. 20-21.

[ii]) Ibidem, pagg. 23-24.

Cfr. A. Pallière, Il santuario sconosciuto, Roma, 1953.

[iii]) E. Benamozegh, Israele e l’umanità, Marietti, Genova, 1990, pagg. XIII-XIV.

[iv]) Ibidem, pagg. 39-41 e 50.

[v]) Ibidem, pag. 101.

[vi]) Ibidem, pag. 115.

[vii]) Ibidem, pag. 156.

[viii]) Ibidem, pag. 166.

[ix]) Ibidem, pag. 287.

[x]) E. Benamozegh, Le origini dei dogmi cristiani, Marietti, Genova, 2002, pagg. 15-16.

[xi]) Cfr. Ibidem, pagg. 21-60.

[xii]) Ibidem, pag. 73.

[xiii]) Ibidem, pag. 111.

[xiv]) Ibidem, pag. 112.

[xv]) E. Benamozegh, Morale ebraica e morale cristiana, Carucci, Assisi-Roma, 1977, pag. 6.

[xvi]) Ibidem, pagg. 12-13.

[xvii]) Ibidem, pagg. 45-46.

 

Tutte le notizie e articoli contenuti in questo spazio web sono liberamente riproducibili

(salvo successive controindicazioni degli autori e/o degli editori distributori)

purchè citandone  integralmente   tutte le fonti (inclusa questa), gli autori, i traduttori e i links :

perchè informazione e contro-informazione devono essere libere e alla portata di tutti.

Chi, divulgando questi notiziari, omette di fornire le indicazioni sopra citate, o impedisce in qualsiasi modo

 la  libera veicolazione delle notizie, sabota gravemente  la libera formazione e informazione.