"Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi quelli che ti sono inviati...vi dico infatti che non mi vedrete più finché non direte: Benedetto Colui che viene nel nome del Signore!"

 

 

Archivio Generale

Autori

Iscrizione

Newsletter

Viaggi

Pellegrinaggi

Coalizione per la TerraSantaLibera Chi siamo

Etica

Pro-Life

Caritas Baby Hospital

PartecipAzione

ai Progetti

Libri consigliati Quotidiani  & Riviste

Foto

Motori Ricerca DVD

Mercatino Palestinese

Sostieni la nostra azione

Sottoscrizioni

Siti web utili& amici

Appelli   Diario di un pellegrino

Adozioni

agli Studi

Contatti & Collaborazioni

LIBRI

gratis

 AUDIO Comics & Design

YouTube Canale Video

VIDEO

<<< pagina precedente <<<

1b -1a - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 -  home page

>>> pagina successiva >>>

PICCOLO ARCHIVIO DI TESTI & VIDEO RELATIVI A SPIRITUALITÀ, POLITICA, GEOPOLITICA, STORIA, ANALISI, CRITICA, ATTUALITÀ, CONFLITTUALITÀ IN PALESTINA,  MediOriente...e oltre...

AVVERTENZA : pur essendo questo spazio ideato e gestito da persone di sicura fede cattolica, collabora volontariamente e gratuitamente con la nostra Redazione anche chi esprime posizioni islamiche, sciite e/o sunnite, nonchè  di altre differenti visioni, idee politiche e fedi. Questo perchè si crede giusto offrire, nell'ambito della controinformazione, un quadro il più ampio possibile delle odierne

dinamiche sociali e geopolitiche, alla luce delle diverse tradizioni e storie particolari, specie di quel variegato mondo eurasiatico e mediterraneo a noi vicino. (La Redazione)      


61 anni colonialismo sionista

61 anni Nakba palestinese

Solo quando  appariranno con chiarezza i progetti occulti del folle messianismo sionista,

tutti comprenderanno a fondo il pericolo a cui l'umanità sta andando incontro (ndr)


per chi viaggia in Palestina:

mappa aggiornata

zone A-B-C,

strade palestinesi e israeliane,

insediamenti coloni, checkpoints,

muri già costruiti e in progettazione,

aggiornata a fine 2008,

cm. 70 x 100

Made in Palestine

Rev. Bonaventura Pranaitis

Il Talmud smascherato

PDF 363 KB


IN LIBRERIA

(vedi scheda)

Sancte Michael Archangele,

defende nos in proelio,

contra nequitiam et insidias diaboli esto praesidium.

Imperet illi Deus, supplices deprecamur: tuque, Princeps militiae caelestis, Satanam aliosque spiritus malignos, qui ad perditionem animarum pervagantur in mundo, divina virtude in infernum detrude. Amen


correlato:

l'aborto è omicidio

 


la legge sull'omofobia

minaccia etica e libertà

 

una perversione, anche se approvata per legge, resta una perversione, della sana etica e del buon senso comune:

 

RESISTI !!!

 

 

"La Palestina è sotto la tirannia di una falsa promessa" (Patriarca Attallah Hanna)


Sabato 5 settembre: le milizie israeliane sparano e uccidono un bambino di 13 anni sulla frontiera di Gaza

(al momento disponibile solo la versione in inglese)


OSLO ESCE DA SOCIETA' ISRAELIANA ATTIVA IN LAVORI MURO


(ANSA) - TEL AVIV, 3 SET - Il governo di Oslo ha annunciato oggi il ritiro della partecipazione di un fondo previdenziale pubblico norvegese nella societa' israeliana Elbit, un'azienda elettronica specializzata in componentistica per la difesa, a causa del coinvolgimento di questa nei lavori di realizzazione della barriera di separazione fra Israele e Cisgiordania. Lo riferiscono i media online israeliani riportando una
dichiarazione della ministra delle Finanze, Kristin Halvorsen. ''Noi non intendiamo finanziare societa' che contribuiscono in modo cosi' diretto a iniziative realizzate in violazione del diritto umanitario internazionale'', ha detto Halvorsen a Oslo,
ricordando la sentenza del 2004 della Corte di Giustizia dell'Onu che ha condannato la barriera. Israele, da parte sua, ha fatto sapere di essere deciso a contestare per vie legali l'improvviso disinvestimento della Norvegia. Elbit, a quanto si e' saputo, ha avuto negli ultimi tempi commesse importanti per la fornitura di sistemi di sorveglianza utilizzati lungo il tracciato della barriera: una recinzione, formata in larga parte da reticolati e in alcuni tratti da sezioni di muro, innalzata da Israele lungo il confine con la Cisgiordania (territorio palestinese). Installazione che i
governi israeliani hanno giustificato con la necessita' di difendere il Paese da attacchi terroristici e che i palestinesi considerano invece una punizione collettiva, un simbolo di segregazione e un ostacolo alla liberta' di movimento. (ANSA).


ULTIME DI CRONACA

Siria e Libano nel mirino:

disinformazione sionista e strategie di destabilizzazione

Cisgiordania:

18 incursioni israeliane in una settimana

Gerusalemme:

58 case demolite a  dall'inizio dell'anno


DUE NUOVI LIBRI SCARICABILI GRATIS:

·         BOLLE PONTIFICIE SUL GIUDAISMO (pdf 316 KB)

·         INFLUSSO EBRAICO IN AMBIENTE CRISTIANO (pdf 1.7 MB)

Le spesucce tricolori per “la ricostruzione“ dell’Afghanistan… ed il resto...

Dal 2002, nelle mani del pagliaccesco sindaco di Kabul, Karzai, e del suo gabinetto di trafficanti di droga e criminali di guerra sono finiti centinaia e centinaia di milioni di euro sottratti alle tasche dei contribuenti italiani dagli esecutivi Berlusconi, Prodi, Berlusconi. Al Palazzo di Vetro ci siamo conquistati da un bel po’ di anni la medaglia di Paese donatore di primo livello. Un biglietto da visita, lo sostiene Frattini, di cui l’Italia può essere giustamente orgogliosa..........

.........Le finalità del Quirinale, di Palazzo Chigi, Farnesina e Palazzo Baracchini, che ci ripetono tv e giornali sono davvero quelle di combattere i terroristi pashtun del fantomatico Mullah Omar a casa loro perché non vengano a farci fuori a casa nostra? No. Sotto c’è ben altro ed un po’ alla volta lo tireremo fuori, dai rapporti Roma-Washington alla “privatizzazione” delle Forze Armate, per passare, se ce ne sarà bisogno, alle modalità di acquisto ed impiego dei Predator ed al resto… spike e designatori laser compresi. Non butteremo giù dei muri ma ci sentiremo almeno più sereni, con la coscienza tranquilla per non aver taciuto..........(leggi tutto)


VIDEO (in lingua originale inglese)

Ucraina: altri 8 israeliani sono stati accusati di traffico d'organi

Siccome però la legislatura israeliana non prevede esplicitamente il divieto del traffico d'organi umani, probabilmente i sospetti e accusati verranno rilasciati.

 


TEL AVIV DA' DEL "BULLETTO" AL PRESIDENTE DELL'UNIONE AFRICANA GHEDDAFI.

 LA COLPA DEL LEADER LIBICO?

AVER DETTO LA VERITA': CHE ISRAELE FOMENTA E SFRUTTA LE GUERRE AFRICANE.

LA “GIUSTIZIA INTERNAZIONALE” POST-BIPOLARE:

UNO STRUMENTO NELLE MANI DI ISRAELE

E DEI SUOI ALLEATI NEGLI USA E IN EUROPA

un articolo del prof. Claudio Moffa

dedicato quasi per intero all'analisi delle guerre di Israele in Africa

(documento in PDF 199 KB)


VIDEO: Dozzine di politicanti, rabbini e investitori ebrei arrestati nel New Jersey con l'accusa di traffico di organi umani, reni, e riciclaggio di denaro in una rete estesa tra Svizzera-Israele-Manhattan

 


Israel Adam Shamir,

Per il sangue che avete sparso

Prefazione di Serge Thion

(segnalazione di Arcangelo)

Tutti i codici penali dicono che la complicità col crimine è un crimine. Fanno eccezione gli autoproclamati dirigenti ebraici. Essi hanno costruito una fortezza morale che li protegge, ma isolandoli. Shamir la vuole smantellare. Ecco perché egli è solo, del tutto sconosciuto in Israele, vagamente denunciato come "antisemita" all'estero, come lo è ogni persona normale che non accetta la glorificazione dei crimini contro l'umanità, commessi sotto i nostri occhi ogni giorno che passa, dal 1936... (…).................(leggi tutto)

 


Gaza: Rialzarsi fra le macerie

di Fabio Proverbio

da "Avvenire" del 30 agosto 2009

(segnalazione di Claurita)

   Entrare nella Striscia di Gaza è missione difficile. Le porte d’accesso sono Rafah, in Egitto, e Erez, in Israele. La prima è un «cancello» nel deserto, distante 20 chilometri circa dal primo centro abitato egiziano. Già dai primi contatti con i militari alla frontiera capisco che questo cancello non si aprirà mai per farmi entrare. Subisco la stessa sorte degli oltre 150.000 container di aiuti umanitari bloccati a questa frontiera da un incomprensibile embargo. Ritorno al Cairo e da qui parto per Israele, per tentare di entrare da Erez. Prima di lasciare Rafah incontro Stefano, un volontario italiano che da oltre quattro settimane sta cercando di portare nella Striscia di Gaza viveri e medicinali. Frustrato dalla lunga attesa, mi spiega come intorno a quella moltitudine di aiuti umanitari sia sorta un’economia fiorente. I saccheggi notturni stanno alimentando i mercati locali; i servizi di trasporto, carico, scarico, sdoganamento – quasi sempre inutili – assicurano impiego di manodopera e opportunità di ingenti profitti. Arrivato a Gerusalemme perdo altri tre giorni per ottenere i permessi necessari a superare i controlli dell’esercito israeliano alla frontiera di Erez.

    Finalmente a Gaza, il mio primo incontro è con don Manuel Musallam, parroco della piccola comunità locale di cristiani cattolici. D’origine palestinese, don Musallam tiene subito a sottolineare come i cristiani di Gaza siano integrati nella società palestinese. Chiarisce in modo perentorio che non intende discutere di comunità cristiane e comunità musulmane come fossero due realtà distinte e contrapposte. Intende invece parlare di un unico popolo palestinese.........(leggi tutto)


VIDEO: 23/07/2009:  Direttore Museo Olocausto, membro Lega Anti-Diffamazione (ADL/B'nai B'rith) arrestato per oltre 23 video pedofili

 

 


Il Cardinal Cipriani esorta a recuperare l'amore per l'Eucaristia

.........Si utilizzi il piattino della comunione perché nel caso in cui una particella di ostia si stacchi non cada al suolo.........La comunione si riceve in bocca.........Essere in stato di grazia..... ......ricevere la Santa Eucaristia in ginocchio..........(leggi tutto)


di Simone Santini - 29/08/2009

 

Il quotidiano israeliano «Haaretz», citando fonti governative e diplomatiche occidentali, riporta la notizia di un duro attacco lanciato dalle autorità di Tel Aviv contro l'Agenzia atomica internazionale (AIEA) e il suo direttore generale Mohammed El Baradei............(leggi tutto)


Commenti a testimonianza della Conferenza di don Curzio Nitoglia

“Il Concilio Vaticano II e l’influenza della massoneria”

(Cortina d’Ampezzo – 13 agosto 2009)

 a cura del dott. Mauro Sgarzi, Bologna 18-08-2009

 

Ho avuto la grande fortuna di poter assistere alla conferenza citata, in qualità di accompagnatore e assistente tecnico per l’organizzazione.

La conferenza è iniziata con il solito tono pacato di Don Curzio Nitoglia che ha svolto il suo intervento seguendo il seguente schema logico che sintetizzo: ha elencato ciò che è alla base della dottrina cattolica cristiana, ha elencato gli obiettivi che si prefigge la massoneria, ha messo in risalto gli aspetti che sono antitetici a quelli cristiani, e per il principio dell’antitesi già enunciato dai filosofi greci, ed esplicitamente ricordato alla platea ha quindi messo in risalto perché la dottrina massonica essendo piena di punti contrari a quelli cristiani debba ritenersi incompatibile con la professione di fede del cristianesimo.

In questo escursus Don Curzio ha naturalmente citato i documenti del Magistero Pontificio che da Clemente XII hanno condannato, l’appartenenza alla massoneria, non per il gusto sadico di interdire, ma poiché essi, fedeli al loro compito di pascere il gregge, avevano individuato i principi base massonici anti cristiani.

Dopo l’esposizione, come da copione si è passati alle domande al pubblico e qui si sono avute le sorprese.

Si alzò una persona qualificatasi come medico massone di Roma che dopo con tono duro, cattivo, ha subito accusato Don Curzio di dare una falsa visione della massoneria. Si è poi lanciato in un’esposizione del pensiero massonico, che parte dall’uomo messo al centro per migliorarlo, proseguendo poi nel suo manifesto ideologico. Quest’esposizione è stata più volte applaudita da un insieme di persone che successivamente ci siamo resi conto far parte della claque coordinata dal medico e da altre persone sedute dietro.

Alla fine dell’esposizione Don Curzio ha fatto gentilmente presente che quanto da lui appena esposto, coincideva con la sua dissertazione sui fondamenti della massoneria.

Visto che l’assalto frontale non è andato a segno, la platea organizzata dei massoni è passata agli “sfottò”, ridacchiando, facendo commenti ad altra voce, volutamente volti a ridicolizzare Don Curzio, durante le altre domande degli intervenuti.

A questo punto avemmo la perla sulla torta massonica: intervento di un “presbitero” (?!) che dichiara d’insegnare teologia e che si presenta in maniche corte, con un cellulare al collo al posto del crocifisso e che ingrana la quarta esponendo un pensiero “teologico” (?!) che di fatto risulta essere un appoggio totale alle tesi esposte dal massone...........(leggi tutto)

 

 


 

la voce e Le ragioni dell'Islam shi'ita,

a cura del corrispondente dal Libano, Dagoberto Husayn Bellucci

 

 

UN DOCUMENTO STORICO PER 'RIFLETTERE':

L'APPELLO DELL'UNIONE CRISTIANA DI PALESTINA

"Rara foto dei primi resistenti palestinesi negli anni '50, con bandiera nazionale

raffigurante una croce ed una mezzaluna incrociate, a simbolo dell'unità d'intenti cristiano-islamici

in opposizione alla colonizzazione giudaico-sionista della Terra Santa"

 

Avendo considerato accuratamente la situazione qual'è oggi in Palestina essi decidono di indirizzare a tutti gli organismi religiosi e politici del mondo questa dichiarazione con la quale essi intendono manifestare profondo dolore e forte indignazione per la deplorevole situazione in cui la Terra Santa, che è culla della pace, si è venuta a trovare e ciò quale diretta conseguenza della politica sbagliata che è stata imposta al paese e che è culminata nel piano di spartizione.

E' nostra ferma convinzione che la pace non sarà ristabilita e che nessun tentativo di promuovere la "pace di Gerusalemme" sarà coronato da successo a meno che gli organi che agiscono per la determinazione del futuro della Palestina non rimuovano le cause che hanno fatto della Terra Santa un campo di battaglia e ristabiliscano i principi di giustizia e mantengano il diritto all'autodeterminazione quale è previsto dalla carta dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

L'Unione Cristiana desidera dichiarare in termini inequivocabili che i suoi componenti denunciano il piano di spartizione nella ferma convinzione che questo piano comporta la violazione della sacralità della Terra Santa, la quale per sua natura e storia è indivisibile e rappresenta una usurpazione dei diritti naturali degli arabi che sono il popolo del paese..........(leggi tutto)

 

 

LIBANO: IL PREMIER DESIGNATO SA'AD HARIRI :

"HIZB'ALLAH AL GOVERNO, PIACCIA O MENO A ISRAELE"

Il premier designato Sa'ad Hariri, figlio dello scomparso Rafiq e leader della Corrente Futura - partito di maggioranza tra la comunità sunnita nonchè leader del fronte filo-occidentale del 14 Marzo che raccoglie anche i maroniti di Amin Gemayel e di Samir Geagea e i drusi del Partito Socialprogressista di Waleed Jumblatt, rompe infine gli indugi e lancia un messaggio categorico soprattutto al di là della frontiera meridionale, in direzione dell'entità criminale sionista: "che a Israele piaccia o meno Hizb'Allah entrerà nel prossimo governo di unità nazionale!"...............................(leggi tutto)

SIRIA:  AGO DELLA BILANCIA NEL VICINO ORIENTE

TRA SPERANZE DI DIALOGO E NUOVI ORIZZONTI DI GUERRA

.........L'obiettivo di Washington e la strategia di destabilizzazione americana è evidente: isolare Teheran, rinsaldare il fronte cosiddetto "moderato" del mondo arabo, coinvolgere nuovamente Arabia Saudita ed Egitto quali supervisori del dialogo e riportare al tavolo delle trattative l'Autorità Nazionale Palestinese che controlla la Cisgiordania e i rappresentanti del governo di occupazione sionista di modo da tagliare definitivamente fuori Hamas e gli altri movimenti della Resistenza nazionale palestinese.

In questa strategia di contenimento e isolamento della politica iraniana - la quale ha fatto sentire tutto il suo peso diplomatico anche in occasione delle recenti elezioni libanesi di due mesi e mezzo or sono - risulta assolutamente rilevante per Obama e il suo establishment l'avallo e possibilmente un accordo preliminare con Damasco.........(leggi tutto)

PALESTINA: LA JIHAD ISLAMICA,

ORGANIZZAZIONE DI RESISTENZA PALESTINESE

Il Movimento per il Jihad Islamico in Palestina ( in arabo: حركة الجهاد الإسلامي في فلسطين, Harakat al-Jihād al-Islāmī fī FilasTīn), rappresenta la punta di diamante delle organizzazioni religiose operanti all'interno del perimetro geostrategico palestinese contro l'occupazione sionista. La "Jihàd Islamica" , come sbrigativamente viene identificata dai media occidentali e da numerosi addetti ai lavori, viene comunemente percepita dall'opinionismo sistemico quale "organizzazione terrorista" e, come tale, messa al bando in numerosi paesi (Stati Uniti, Unione Europea, Gran Bretagna, Giappone, Canada, Australia oltre ovviamente dall'entità criminale sionista). Come si nota si tratta prevalentemente di satelliti dell'imperialismo statunitense, ex membri del Commonwealth britannico, entità sottoposte a controllo dagli ambienti sionisti e nazioni che hanno sempre sostenuto e avallato le scelte di politica estera di Washington per quanto concerne le questioni del Vicino Oriente. Il movimento per il Jihàd Islamico operativo in Palestina è in realtà un'organizzazione rivoluzionaria e di liberazione nazionale organicamente inserita ed integrata nel tessuto socio-politico palestinese.....(leggi tutto)

 

altri testi di DHB a questo link

 

 


 

Redazionale

Si scrive Al-Qaida, ma si legge CIA e si pronuncia Mossad

 

Mentre movimenti di truppe israeliane sono monitorati al nord, sul confine libanese, come ci comunica l'amico corrispondente Dagoberto HB (vedi links 1 e 2), giunge da Tripoli l'eco di attentati terroristici. Un chiaro segnale di manovre volte a creare tensioni e reazioni, che i registi strategici sperano magari scomposte, per mettere in difficoltà la resistenza libanese o saggiarne la tenuta organizzativa e gerarchica.

 

Contemporaneamente, da Gaza, assistiamo, con sincronismo cronometrico, al tentativo, da parte di fazioni "quaediste"(vedi link), di  destabilizzare il controllo del potere nelle mani dell'unica, al momento formazione che abbia saputo resistere a tutti gli attacchi dell'entità sionista, anche quelli più terribili e devastanti come la recente carneficina denominata "piombo fuso", vero crimine di guerra e contro l'umanità, in cui sono state sperimentate nuove armi non convenzionali di distruzione di massa sulla popolazione civile.

La formazione politica di Hamas, che dirige al momento la Striscia di Gaza, ha dimostrato così al mondo intero di non avere legami o nulla a che fare, come hanno invece voluto farci credere sin'ora i media asserviti alla lobby, con il terrorismo internazionale, che agisce e viene manovrato invece a vantaggio della propaganda strategica sion-yankee.

 

Intanto continuano assedio ed embargo alla Striscia e West Bank, veri tentativi di genocidio, mentre ai vertici di Fatah, Abu Mazen e soci continuano a dare prova di alto tradimento e corruzione, stringendo alleanze con l'occupante sionista e accrescendo le persecuzioni nei confronti dei resistenti.

E' recente la notizia della nomina nel Consiglio Direttivo di Fatah di un ebreo israeliano (fonte BBC).

Come non vedere un'unica regia dietro tutto ciò.

 

La stagione di nuovi e più devastanti eventi bellici è alle porte: prepariamoci ad assistere, entro pochi mesi, al più ramificato ed esteso attacco militare da parte sionista, con copertura "obamista", dell'area mediorientale considerata, dai folli strateghi di Tel Aviv, "Grande Israele".

Il bersaglio è chiaramente l'Iran, ultimo ostacolo rimasto in campo al dilagare del falso messianismo sionista: messianismo da quattro soldi, anzi da trenta denari, prontamente accettati anche dai badogliani nostrani.

 

Ma prima di cercare di fagocitare del tutto la Terra Santa e compiere l'impresa bellica programmata, l'entità coloniale sionista deve assicurarsi di aver liberi i fianchi, saggiarne la capacità reattiva, dividerne le fila, indebolirne le reazioni.

Intanto i nostri militari, insieme al resto delle forze d'interposizione internazionali, sono già lì, tra il Libano e l'Afganistan, carne da macello per gli interessi di Sion e Wall Street.

 

Se almeno ci fosse, tra i nostri governanti, un uomo forte, coraggioso, capace di comprendere il pericolo per la nostra Nazione di rendersi complice di tali giochi di guerra e di sangue, oltre ad avere la lungimiranza di voler porre l'Italia a guida ed esempio di una condotta etica e giusta, che possa essere d'esempio anche per altre nazioni...

 

Solo il mancato appoggio ai criminosi progetti giudaico-sionisti potrebbe intaccarne la forza e provocarne l'arresto.

Perchè la forza di pochi uomini, seppur dotati di sofisticate e terribili armi belliche, seppur "eletti" (ma non certo per soggiogare il genere umano, come crede la perfida progenie), deriva solo dall'accondiscendenza che gli vien fornita: toglietegli consenso e ne arresterete i cingoli.

 

Non c'è altra via per contrastare la pianificazione progettuale di dominio globale che pervade, come una forma di pazzia molto pericolosa per tutti, le menti sioniste, che questa:

boicottarne il consenso, politico, culturale, teologico, militare, economico.

 

La Redazione

Link a questa pagina: http://www.terrasantalibera.org/alqaeda_cia_mossad.htm

 

CORRELATO :

Scontri tra polizia di Gaza e fanatici salafiti:16 morti e 125 feriti. Al-Qaida nella Striscia: Cui Prodest?

Agenzia InfoPal.it - Da parte sua Ismail Haniyah, premier del governo di Gaza, ha affermato che non ci sono guerriglieri palestinesi nella Striscia di Gaza che abbiano combattuto contro gli Usa, in Iraq o in Afghastinan, e neanche infiltrati, e che tali insinuazioni sono diffuse da lsraele. E ha sottolineato che il governo non permetterà il ritorno di una situazione di instabilità e insicurezza nella Striscia. Il gruppo salafita aveva annunciato la propria nascita nella Striscia circa due mesi fa.

Un'altra organizzazione di fanatici, seguaci del fantomatico Bin Laden, dunque? Cui prodest? A chi giova?.................(leggi tutto)


E' possibile una collaborazione tra Islam moderato e Occidente?

Al Meeting si discute di diritti umani e dialogo con i musulmani
 di Antonio Gaspari

(ZENIT.org).- La possibilità di una maggiore collaborazione tra musulmani moderati e governi occidentali e Chiesa cattolica è auspicabile e possibile. Questo è quanto hanno manifestato l’onorevole di origine marocchina Souad Sbai, e il musulmano Asfa Mahmoud, nel corso di una conferenza stampa svoltasi al Meeting di Rimini martedì 25 agosto..........(leggi tutto)

GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO SOLIDALE ALLE CONFERENZE SU "PALESTINA OCCUPATA" (martedì 11 agosto) E "VATICANO II E MASSONERIA" (giovedì 13 agosto)

 

ULTIMA ORA:

1)ALLA CONFERENZA SULLA PALESTINA, COLONI EBRAICI ITALIANI CERCANO DI DISTURBARE

2)ALLA CONFERENZA DI DON CURZIO, ATTACCO DI MASSONI SPALLEGGIATI DA NEOMODERNISTI

MAGGIORI INFORMAZIONI e VIDEO in PREPARAZIONE


BASTA ESPULSIONI DI PALESTINESI

 DA GERUSALEMME EST !

 

APPELLO  ALLE  AUTORITA'  ITALIANE

 

Per dare la propria adesione all'appello, come associazione/ente o a titolo personale, inviare emails a:

stopespulsioniger@gmail.com


Esposto modello tempio ebraico di fronte a moschea al-Aqsa.

Striscia di Gaza al buio tra poche ore.

Chavez: 'Lieberman, boss mafioso'

da www.InfoPal.it

Gioco d'azzardo in California per finanziare

colonizzazione Gerusalemme- Est (leggi tutto)

In aumento il numero di colonie ebraiche (leggi tutto)

Coloni israeliani e terre arabe: fiamme e “acquisti" (leggi tutto)

Fplp: in corso un genocidio contro i palestinesi (leggi tutto)

Obama supererà Reagan nelle spese per la Difesa (leggi tutto)

"La cultura israeliana è una cultura disumana"

(galleria fotografica)

 

dal web (vedi links)


VIDEO: I FARISEI, OGGI COME IERI, USURAI E TRAFFICANTI MAFIOSI

 


VIDEO: Rabbino di Brooklyn trafficante in organi umani


La Guerra delle Idee in Medio Oriente

 

Da Haaretz del 19.07.2009 : "Un opuscolo per le truppe dell’IDF sostiene che il Vaticano insegna agli Hezbollah come uccidere gli ebrei."

 

Secondo quanto riportato in un opuscolo distribuito ai soldati dell’IDF, Il Papa e i Cardinali del Vaticano stanno dando una mano ad organizzare viaggi a Auschwitz per componenti di Hezbollah per insegnare loro come eliminare gli ebrei.

Gli ufficiali stanno favorendo la distribuzione dell’opuscolo, compresi ufficiali superiori quali il Ten. Col. Tamir Shalom, comandante del battaglione Nahshon della brigata Kfir.

L’opuscolo è stato pubblicato dall’Unione delle Congregazioni degli Ebrei Ortodossi d’America, in cooperazione con il rabbino capo di Safed, Rabbi Shmuel Eliahu, ed è stato distribuito pochi mesi fa..................................................................(leggi tutto).
 


la voce e Le ragioni dell'Islam shi'ita,

a cura del corrispondente dal Libano, Dagoberto Husayn Bellucci

 

LIBANO: UNA POLVERIERA PRONTA AD ESPLODERE

MENTRE HIZB'ALLAH CELEBRA IL TERZO ANNIVERSARIO DELLA "VITTORIA DIVINA",

DELL'AGOSTO 2006, ARRIVANO NUOVE MINACCE DALL'ENTITA' CRIMINALE SIONISTA

.........Fonti militari israeliane, ovviamente da prendere pur sempre con molta attenzione in quanto si tratta pur sempre di 'tattiche' non nuove utilizzate sovente anche solo per lanciare messaggi alla controparte, avrebbero comunque disegnato uno scenario da incubo per l'area del Vicino Oriente per i prossimi mesi forse settimane.........(leggi tutto)

 

'AGITAZIONI CINGOLATE' SIONISTE

.........l'esercito libanese è entrato in stato d'allerta ed ha cominciato a presidiare la frontiera meridionale da quando - stando a fonti militari di Beirut - tre blindati israeliani accompagnati da un veicolo civile sarebbero stati avvistati nei pressi dell'area agricola formata dalle fattorie di She'eba ai piedi del monte Hermon occupate da "Israele" oramai dal 1967................(leggi tutto)

LA  SECONDA  INTIFADAH  PALESTINESE :

DALLE PIETRE AI RAZZI KASSAM,

 LA RIVOLTA DI UN POPOLO IN LOTTA PER LA SUA LIBERTA'

Il dramma del popolo palestinese, da oltre sessant'anni vittima di una delle più inaudite e barbare occupazioni criminali che la storia recente ricordi, rappresenta il principale fronte di combattimento e la Palestina occupata lo scacchiere geopolitico prioritario delle rivendicazioni nazionali, storiche, culturali e religiose del mondo islamico.

La Palestina è la Terra Santa per eccellenza: Terra sacra per le tre religioni monoteiste e pluridecennale zona di scontro tra le rivendicazioni messianico-colonialiste dell'espansione sionista e la volontà di resistenza di un intero popolo...............................(leggi tutto)

IL  VULCANO  LIBANESE,  ANCORA  ATTIVO 

L'UNIFIL TRA IL FUOCO INCROCIATO DEI SOSTENITORI DELLA RESISTENZA ISLAMICA

E LE MINACCE DI NUOVI ATTENTATI TERRORISTICI DI MATRICE AL-QAEDISTA

[Documento anche in PDF 52 KB]

L'esplosione di un deposito di armi della Resistenza avvenuta una settimana or sono nel sud del paese e la seguente apertura di un'indagine accertativa da parte delle truppe Unifil ha scatenato la reazione legittima della popolazione sciita locale. Da un lato risulta evidente che il deposito di armi saltato per aria appartenesse al movimento di Hizb'Allah e al suo braccio militare che ha le sue principali basi proprio nelle zone meridionali del paese, dall'altro risulta altrettanto vero che se i nostri militari - assieme ai loro colleghi francesi e spagnoli - operano nelle zone meridionali del Libano lo si deve a determinati accordi intercorsi tra Hizb'Allah, l'esecutivo libanese e quello italiano, francese o spagnolo. Inutile nascondersi dietro a ...un cedro! Sarebbe demenziale: chiunque conosca anche solo minimamente la realtà del Libano sa perfettamente che senza il disco verde degli ambienti vicini alla Resistenza i nostri militi e tutti gli altri caschi blu non sarebbero mai sbarcati nè avrebbero potuto liberamente, e sostanzialmente senza alcun rischio particolare, tranquillamente operare nelle zone interessate al ridosso della frontiera con la Palestina...............................(leggi tutto)

 

 

L'ISLAM  E  IL  MONDO  MODERNO

VIA INIZIATICA E DERIVE ESISTENZIALI UOMO MODERNO

[documento anche in PDF 177 KB]

 

 

altri testi di DHB a questo link

 


Perché c’è un attacco anti-italiano

 Prof. Luca Fantini

Documento anche in PDF 53 KB

 

Non ha a mio avviso alcun senso, in un contesto internazionale come quello attuale, esaltarsi in atteggiamenti o posizioni “berlusconiane” o antiberlusconiane. Non fosse altro perché, purtroppo, l’Italia non è una grande potenza che può giocare un ruolo attivo o ultimativo sulle grandi questioni.

 

 Nonostante questo, è doveroso osservare il continuo ordinamento tattico e la complessiva strategia di potere attuata dagli angloamericani nella nostra Nazione, e trarne le conseguenze del caso..............................................(leggi tutto)

 

altri testi di LF a questo link


L’Italia chiamò:

 

i soldati denunciano l’uranio impoverito

 

Byebyeunclesam.wordpress.com

 

«I soldati americani erano equipaggiati diversamente. Prima di entrare in una zona considerata a rischio indossavano tute protettive, guanti speciali, maschere con filtro. Noi invece lavoravamo a mani nude, le nostre maschere, quando ce le davano, erano di carta, tute niente».....................................................(leggi tutto)


La scarsità di acqua affligge la West Bank

Mohammed Abbas è ammalato, di diarrea cronica. Non è la prima volta.

 

Mohammed e la sua famiglia vivono in un villaggio palestinese privo di acqua corrente, senza fognature, e senza alcuna prospettiva di poter ottenere prossimamente sia l’uno che l’altro.

 La madre Sunna, guardando suo figlio che, con gli occhi chiusi, su un materasso sul pavimento stringe con forza il suo stomaco, mi ha detto di essere disperata. 

“Sono arrabbiata che mio figlio sia tanto ammalato. Il medico dice che è a causa dell’acqua. Noi la compriamo da fuori. Non so da dove provenga. La do ai miei bambini anche se so che è contaminata. Cos’altro posso fare?”

 Il racconto di Sunna sta diventando sempre più comune nella West Bank. Il nome del suo villaggio, Faqua, in arabo significa bolle di acqua sorgiva, ma l’accesso all’acqua è scomparso molto tempo fa.

 Il consiglio del villaggio racconta che la maggior parte delle sorgenti sotterranee è stata confiscata da Israele nel 1948, quando venne fondato lo stato..................(leggi tutto)


 

STRATEGIA DEL PRESIDENTE AHMADINEJAD

parte II

 

Continua l'analisi della società e della strategia geopolitica iraniana

a cura del prof. Luca Fantini (anche in PDF 300 KB)

 

 

CORRELATO: STRATEGIA DEL PRESIDENTE AHMADINEJAD - parte I


ATTENZIONE  ALLE  “MEZZE VERITÀ

Consigli pratici per “restaurare tutto in Cristo”

DON CURZIO NITOGLIA, 27 giugno 2009

Documento disponibile anche in PDF 70 KB

 

Con la pubblicazione di questo articolo, la segreteria web coglie occasione per farsi interprete del sentimento di tutti gli amici di Don Curzio Nitoglia, porgendo le più vive felicitazioni e gli auguri più sinceri nell'anniversario dei suoi

25 anni di sacerdozio cattolico...

...sempre sulla breccia per la buona battaglia.


SPECIALE  IRAN :

cos'è che non ci dicono i "media liberi"?

 

TESTI APPARENTEMENTE IN CONTRASTO,

MA UTILI PER COMPLETARE IL QUADRO CONOSCITIVO DEL PROBLEMA

 

 

leggili tutti, vai alla pagina


Ebrei, non semiti

Claudio Mutti, 18/07/2009

"Ciò sembra indicare (...) che durante il Medioevo la maggioranza di coloro che professavano la fede ebraica erano cazari. Gran parte di questa maggioranza emigrò in Polonia, Lituania, Ungheria e nei Balcani, dove fondò quella comunità ebraica orientale che a sua volta divenne la maggioranza predominante dell'ebraismo mondiale"
(Arthur Koestler, La tredicesima tribù, Torino 2003, p. 119)...........(leggi tutto)


Piccinerie  farisaiche  EDITORIAL-redazionali

Nonostante alcune perfide e diffamanti pressioni, operate da editori senza onore su autori dei quali (pur non essendo a volte nostri collaboratori diretti e non sempre condividendone tutte le proposizioni) ci onoriamo di diffondere e ri-pubblicarne i testi (sempre citandone fonti e links), rivendichiamo il nostro diritto/dovere alla libera informazione e controinformazione.

Pur appartenendo tali autori a diverse scuole e radici culturali, sono assenti, nei loro testi da noi pubblicati, affermazioni o prese di posizione che possano essere considerate reciprocamente offensive, personalmente o riguardo alle rispettive confessioni. Sono quindi compatibili, rispetto al nostro lavoro, per fornire i più ampi strumenti di interpretazione e contrasto alla propaganda mediatica imperante, che è filo-sionista, rabbinico-talmudica e giudaizzante.

Ribadiamo invece il principio per cui la controinformazione deve essere libera e alla portata di tutti, non d'elite, o un business. Continueremo perciò a pubblicare, nel rispetto di una leale deontologia, gli articoli e i testi che riterremo più opportuni, salvo diverse disposizioni degli autori.

Piccinerie e miserie editorial-redazionali le lasciamo a chi fa controinformazione "a pagamento" (e quasi mai menzionando i links originali, come diversi autori lamentano). Nessun ulteriore commento ci pare sia necessario.

(FFP per TerraSantaLibera.org)

 

 

AVVISO ai PELLEGRINI

E PER CHI SI RECHERÀ PRESTO

IN TERRA  SANTA

(VAI  ALLA  PAGINA)


Sostieni gli

 interventi nella Palestina occupata

e il nostro lavoro

di informazione,

 

Donazioni dirette (le consegnamo personalmente) a famiglie con seri problemi, ospedali, scuole, comunità, attrezzature, nella Palestina occupata.

Sviluppo progetti in cooperazione solidale e volontaria.

Aiutaci a scavalcare i muri ed impedire l'esodo palestinese.

oppure acquista qui artigianato arabo

Betlemme : ingresso

 

VIDEO : IRON  WALL "LA CORTINA DI FERRO"

6 puntate fondamentali

 1  -  2  -  3  -  4  -  5  -  6 


 

ULTIME PUBBLICAZIONI

VIDEO : Gaza: Rimuovere l'assedio, dare una possibilità di vita

“La voce del padrone” fa tremare le macerie… d’Italia

Ecco i criminali di guerra israeliani

«INTOLLERABILE   TRAGEDIA

E  DEVASTAZIONE  A GAZA»: INTERVISTA  A  JIMMY  CARTER

UNA  CONNESSIONE  TRA

MOUSAVI  E  L'“IRANGATE”?

ElBaradei: sul nucleare Israele viola la legge internazionale e non collabora con l’Iaea

Spagna : Conferenza di Lady Michele Renouf il 27 giugno
La Cassazione annulla la condanna di Bruno Gollnisch

Rapporto: 300.000 palestinesi devono far fronte alla demolizione della propria casa

BARAK OBAMA:  IL MIGLIORE...

...CAMERIERE DELLE BANCHE

LA  STRATEGIA  DEL

PRESIDENTE  AHMADINEJAD

VIDEO Guardian: Gaza, nessun diritto alla vita. Collabora o muori.

La morte di un malato palestinese porta a 392 il numero delle vittime dell’assedio a Gaza

ALLE ORIGINI DEL TERRORISMO SIONISTA + VIDEO

video: HANNO CHIUSO L'ACCOUNT DI MENPHIS75

OBAMA  "UOMO  DELLA  PROVVIDENZA" O  IPNOTIZZATORE  DI  MASSA?

OBAMA AL CAIRO:

L’UNIPOLARISMO GIUDEOAMERICANISTA

Israele: ''Gerusalemme è nostra''

video: crisi pianificata per controllo delle masse

VIDEO: LA PACE È IRRAGGIUNGIBILE ?

LA PROSSIMA GENERAZIONE DEVE CONTINUARE LA NOSTRA LOTTA

VIDEO: L'UOMO DIETRO BARAK OBAMA (1)

VIDEO: L'UOMO DIETRO BARAK OBAMA (2)

GAZA: IL NUOVO MECCANISMO DELL'ASSEDIO

VIDEO RAI : ebrei massoni satanisti

Obama e la “Pace” in Palestina

Armi misteriose a Gaza:

Nato-tech per provocare amputazioni

Gaza, Israele vieta ingresso equipe di chirurghi

Ai Palestinesi che passano i checkpoint israeliani è vietato anche portarsi da bere e da mangiare

chas freeman e il problema ebraico

MORTE di ARAFAT:Qaddumi incalza Abbas e Dahlan

IL CONCILIO TALMUDICO: "IN GUERRA, ANCHE I BAMBINI DEI NEMICI POSSONO ESSERE STERMINATI"

SOLDATI ISRAELIANI DENUNCIANO LE VIOLENZE CONTRO I CIVILI A GAZA

COME  NACQUE  LA  PAX  AMERICANA.

Italia: “Bulgaria della NATO”

Comunicato della Resistenza Afgana

Quella dell’Afghanistan e’ una guerra diconquista coloniale

Il muro dell'illegalità e della vergogna

L'attacco all'Iran e la variabile sunnita

BASTA ESPULSIONI PALESTINESI  DA GERUSALEMME EST !

appello a autorità italiane

Ebraismo, Giudaismo, Sionismo, Semitismo

DON C. NITOGLIA: ATTENZIONE  ALLE  “MEZZE VERITÀ”


ARCHIVIO GENERALE

ARCHIVIO TITOLI

ARCHIVIO VIDEO
     
  1b -1a - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 -  home page  
 

 

 
 

“ Se controlli il petrolio, controlli le nazioni,

se controlli gli alimenti, controlli i popoli ”.

(Henry Kissinger , Premio Nobel per la Pace nel 1973)

 

Tutte  le  notizie  e  articoli  contenuti  in  questo spazio sono liberamente riproducibili, purchè  citando  le fonti  (anche questa), 

gli autori,  i traduttori   e  tutti  i  links : informazione  e  controinformazione  devono  essere  libere  e  alla  portata  di  tutti